Titoli Distopici

Extinction. L’alba – Gianluca D’Aquino

Gianluca D'Aquino - Extinction.jpg

Continue reading “Extinction. L’alba – Gianluca D’Aquino”

Annunci
Mysterious Writer

Mysterious Writer: Marta Leandra Mandelli

Buongiorno Amici e ben tornati alla nostra rubrica Mysterious Writer, dove approfondiamo la conoscenza degli autori che hanno deciso di dedicare la propria arte al genere che tanto amiamo.

Oggi è il turno di Marta Leandra Mandelli, autrice di “Il Gatto & gli stivali”.

Scopriamo di cosa parla il suo romanzo e conosciamola meglio ^_^

Continue reading “Mysterious Writer: Marta Leandra Mandelli”

Rubriche, Speciali

I nostri tag: #MinacceDistopiche

Le chiacchiere che condividiamo sulla nostra pagina facebook sono riportate in questo articolo che è un patchwork dei nostri post dedicati a un tema specifico.

42915232_1370833649713732_111047934216241152_nNei romanzi con un’ambientazione distopica, spesso leggiamo di governi totalitari che inquinano la società fino a trasformarla in una realtà completamente diversa dal nostro quotidiano vivere.
Può succedere anche da noi?
Se lo chiedeva, già nel 1935, Sinclair Lewis con il romanzo Da noi non può succedere  (It can’t happen here) in cui un senatore (che la stampa odierna definirebbe populista) prende il potere e impone alla sua nazione, gli Stati Uniti, un regime totalitario, promettendo drastiche riforme economiche e un ritorno ai valori tradizionali.
Ecco la drammatica riflessione del protagonista del romanzo, Doremus Jessup:

La tirrania di questa dittatura non è essenzialmente colpa dei grandi capitalisti, né dei grandi demagoghi che fanno il loro sporco mestiere. La colpa è di Doremus Jessup! Di tutti quei coscienziosi e rispettabili Doremus Jessup che con la loro indolenza hanno permesso ai demagoghi di prendere il largo, senza mai protestare con troppa convinzione

Qualora lo nostra società prendesse una brutta piega, si disporrebbe di strumenti utili per capire che un regime totalitario è dietro l’angolo ? O il rischio che corriamo ogni giorno è quello di ritrovarcisi senza aver fatto nulla per contrastare questa eventualità, pensando che “Da noi non può succedere” ?

( Ogni tanto, nella vita, è doveroso porsi certi interrogativi 🙂 )

– Riccardo Muzi –

pillole

Rubo la parola a Riccardo e per il tema #MinacceDistopiche vi parlerò di pillole.
Pillole dimagranti, pillole per il mal di testa, pancia, denti, stomaco, pillole antidepressive, antistress, pillole allucinogene.
Viviamo in un mondo in cui esistono pillole quasi per ogni necessità.
Come vedete il futuro?
Ci saranno pillole per farci superare un esame? Pillole per scegliere la persona di cui innamorarci? Pillole in grado di farci diventare ciò che vogliamo?
A voi la parola!
O preferireste una pillola?

Alcuni membri del gruppo ci hanno scherzato su, altri hanno esternato la propria paura al riguardo, ma una cosa è certa…

Con un poco di zucchero la pillola va giù, la pillola va giù!

Riflettete su questa frase gente, perché non è Mary Poppins ad averla coniata.

– Liliana Marchesi –

E ecco il terzo incomodo, la Valentina Libraia che come il prezzemolo non vi abbandona mai. Per quanto riguarda il tag #MinacceDistopiche la mia attenzione nel gruppo si è focalizzata sugli zombie, i fantastici esserini che si nutrono di viventi per sopravvivere. Quanti film e romanzi popolano il nostro Pianeta? Tantissimi!!! Tutti con caratteristiche e particolarità degne di nota che tendono a porre la nostra attenzione su queste creature, sia in maniera drammatica che più comica. Anche gli spot si sono ispirati a loro. Proprio per questa popolarità, nel gruppo ho deciso di parlare proprio di loro ponendo l’ attenzione a cosa ne pensano gli utenti di loro. Fonte d’ ispirazione me l’ ha fornita il romanzo di Gualtiero FerrariZetafobia” che ho avuto la fortuna di leggere grazie alla collaborazione con il blog, nel quale troverete la mia recensione. L’ autore ci racconta l’invasione zombie in Italia in quel di Torino e di come essa viene affrontata da una comune famiglia. Un libro veramente valido che vi consiglio di leggere. E voi cosa ne pensate di questa minaccia, è tangibile oppure è semplicemente utopica? Fatemi sapere la vostra!!!

-Valentina Libraia-

2696-zombie-wallpaper-135-1024x546

Recensioni

Recensione : “Pelicula” di A. Cabassi

Ciao a tutta la nostra fedele ciurma distopica!

Oggi ho il piacere di presentarvi la recensione di un romanzo veramente appassionante che nelle sue pagine raccoglie non soltanto concetti distopici ma anche filosofici e metafisici. Vi sto parlando di ” Pelicula” il libro di Andrea Cabassi, un autore da tenere d’ occhio e che abbiamo ospitato sia nel nostro gruppo che qui sul blog da pochissimo tempo. Bando alle ciance, buona lettura!

Andrea Cabassi - Pelicula

Continue reading “Recensione : “Pelicula” di A. Cabassi”

Novità, Titoli Distopici

The Winner’s Crime – Marie Rutkoski

Esce oggi il sequel di una serie davvero appassionante, firmata Marie Rutkoski!

La vendetta

TRAMA:

Un matrimonio reale è il sogno di ogni ragazza: sfarzo, festeggiamenti e balli fino all’alba. Ma non per la bella Kestrel, per la quale invece le nozze ormai prossime con il principe Verex rappresentano una gabbia che non le lascia via di scampo. Con l’avvicinarsi del matrimonio, vorrebbe ardentemente raccontare all’amato Arin la verità sul suo fidanzamento, se solo potesse contare su di lui… Ma di chi può ancora fidarsi, se non può credere neanche più a sé stessa? Spia in incognito alla corte imperiale, Kestrel è diventata una professionista dell’inganno: vive nella menzogna, per trasmettere informazioni agli herrani, il popolo che dovrebbe considerare suo nemico, ed è finalmente vicina a scoprire un terribile segreto. Nel frattempo Arin, che da semplice schiavo è diventato governatore di Herran, arruola alleati per allontanare dal suo Paese un pericoloso nemico ed è attanagliato dal sospetto che Kestrel sappia molto più di quanto dica, e che menta… La verità, però, può fare più male delle menzogne, e quando verrà a galla, Kestrel e Arin dovranno fare i conti con le conseguenze delle proprie scelte.

Amore, intrighi e colpi di scena per una storia ricca di passione… in attesa dell’esplosivo finale.

Acquistatelo subito su Amazon –> https://amzn.to/2Ur00sV 

E se non avete ancora letto il precedente romanzo, qui trovate tutte le informazioni 😉

Speciali

Riconoscimenti Distopici

Buongiorno carissimi!

Recentemente uno dei romanzi Distopici che abbiamo avuto il piacere di leggere e apprezzare, ha ricevuto un importante riconoscimento.

Si tratta del Trofeo Cassiopea, un premio letterario nazionale per il miglior romanzo italiano di fantascienza. Questo concorso è indetto dall’Associazione Culturale DEEP SPACE ONE e quest’anno è stato assegnato a “Nectunia” di Daniela Ruggero, edito dalla DZ Edizioni.

Noi siamo andati a stanarla e le abbiamo fatto qualche domanda 😉

Nectunia - Cassiopea

Continue reading “Riconoscimenti Distopici”

Rubriche

I nostri tag: #SteamPunk

Inauguriamo oggi una nuova rubrica recuperando le chiacchiere che condividiamo sulla nostra pagina facebook. L’articolo seguente è un patchwork dei nostri post dedicati a un tema specifico.

44571562_1386618058135291_7918633235154731008_oParlando di #steampunk il mio pensiero va subito a “La leggenda degli uomini straordinari”. Il Film narra le gesta di un team di “Vendicatori”, o forse sarebbe meglio dire, di “X-men”, in piena epoca vittoriana e in mezzo a un consistente dispiegamento di mezzi basati su tecnologie futuristico-vintage.
Ma il film, almeno per i miei gusti (non se ne abbia chi invece lo ha apprezzato) non vale totalmente il prezzo del biglietto. Oltretutto non rende nemmeno tanto merito al fumetto dal quale è tratto: “La Lega degli Straordinari Gentlemen” partorito dal genio di Alan Moore.
Per questo avrei optato per un’altra pellicola che è un piccolo gioiellino cinematografico: “Sky Captain and the world of tomorrow”. Purtroppo anche quest’opera presenta un difetto, ma di minore entità, e poi si sa, nessuno è perfetto. Insomma con “Sky captain” non siamo proprio nello Steampunk puro ma, a proposito di questo film, più propriamente, si dovrebbe parlare di Dieselpunk. Il motivo è da addurre all’ambientazione più da Prima Guerra Mondiale che da età vittoriana. (Breve spiegazione: il Dieselpunk è un genere simile allo steampunk che combina l’estetica della tecnologia sviluppata fra le due guerre mondiali fino al 1950, con tecnologia retro-futuristica e postmoderna).

Vabbè, ma di che parla sto film?

Continue reading “I nostri tag: #SteamPunk”