Mysterious Writer

Mysterious Writer: Andrea Viscusi

Buongiorno Amici, eccoci qui per parlare di un altro autore che ci è venuto a trovare nel nostro Bunker Facebookiano 😀

Lui è Andrea Viscusi, autore de “Il lettore universale” edito da Moscabianca Edizioni.

Andrea Viscusi.jpg

Partiamo subito con la biografia dell’autore, davvero ricca di titoli interessanti 😉

Andrea Viscusi è nato nel 1986 in Toscana, dove risiede tuttora. Laureato in statistica e appassionato di fantascienza e musica elettronica, scrive dal 2008 dedicandosi principalmente a racconti racconti di fantascienza. Ha pubblicato circa cinquanta racconti in diverse antologie di vari editori (XII, Delos, RiLL, Watson, Pendragon), e si è classificato in alcuni concorsi come Trofeo RiLL, Robot, Giulio Verne. Nel 2013 ha pubblicato la sua prima antologia personale Spore (ed. I Sognatori), nel 2015 è uscito il suo primo romanzo Dimenticami Trovami Sognami (Zona 42), finalista al Premio Italia e Premio Vegetti, nel 2017 il romanzo breve Memehunter (Future Fiction), nel 2018 la raccolta Il lettore universale (Moscabianca). Tre suoi racconti sono stati tradotti in francese da Pierre-Jean Brouillaud, e uno è stato pubblicato sulla rivista francese Galaxies. Scrive sul suo blog Unknown to Millions di libri, film, musica e fantascienza. È probabilmente il maggior fan italiano di Futurama.

Ora vi riproponiamo la trama del libro, anche se qui potrete trovare tutte le info.

Andrea Viscusi - Lettore universale (racconti)

TRAMA:
Un’opera surreale e profetica come un episodio di Black Mirror

In questa raccolta di racconti, Andrea Viscusi traccia una sua personale visione dei princìpi universali che da sempre definiscono la dimensione dell’uomo: sopravvivenza, morte, autodeterminazione, entità superiori. I protagonisti delle storie devono confrontarsi con scelte che vanno oltre la loro vicenda personale e abbracciano temi ben più profondi, in grado di cambiare il mondo per come lo conoscono.

Il lettore universale porta un ragazzo qualunque a scoprire il potere delle parole; En prison vede il protagonista perdere il controllo del proprio corpo; in Spore una mutazione conduce l’umanità al suo prossimo stadio evolutivo; Voi demoni è un’investigazione che coinvolge forze antiche e potenti; la società futura di Il raccolto è un’utopia solo apparente dove gli uomini hanno perso ogni autonomia; Momento per momento è il resoconto disperato di un uomo solo come nessuno lo è mai stato prima.

In questi racconti, passato, presente e futuro si rivelano scenari ugualmente validi per mostrare tanto gli aspetti più nobili quanto quelli più oscuri di ciò che ci rende umani.

Adesso passiamo al breve riassunto dell’intervista che potete leggere per intero qui 😉

  • Andrea come sei arrivato a Moscabianca Edizioni?
  • Ho visto in qualche gruppo dedicato alla narrativa di genere il loro “call for paper” quando hanno aperto. gli ho mandato un po’ di materiale e mi hanno detto che erano interessati alle mie storie, anche se gliene ho dovute mandare parecchie prima di accontentarli! sono molto meticolosi e per questo mi è piaciuto molto come abbiamo lavorato.
  • Come ti sei avvicinato alla scrittura?
  • A parte le sciocchezze scritte in prima media, quando leggi un libro e ti viene in mente che puoi farlo anche tu (e invece no, fai schifo!), ho iniziato ad approcciare la scrittura seriamente entrando in alcuni forum dedicati, tanto tempo fa quando i forum erano ancora una parte importante degli scambi online. è lì che sono cresciuto molto, leggendo e facendomi leggere, e ho cominciato a conoscere i meccanismi dell’editoria.
  • Hai già in mente il tuo prossimo progetto?
  • Sì, sto già scrivendo uno young adult dal titolo SCRABBLE, che conto di finire entro gennaio. poi se qualcuno mai lo pubblicherà è un’altra storia!
  • Andrea quali sono i messaggi che hai voluto trasmettere attraverso questi racconti?
  • A parte il senso generale del “cambio di prospettiva” del commento sopra, ogni racconto ha un suo tema particolare. mi piace poi che il lettore colga il messaggio da solo, altrimenti che scrivo a fare? comunque qualche linea guida per avere un’idea di cosa si trova la posso dare:

    “il lettore universale” – la limitatezza del linguaggio e quindi (forse?) anche del pensiero

    “en prison” – autodeterminazione e il senso di appartenenza, quello che siamo disposti a sacrificare per un “bene più grande”

    “spore” – i confini di quella che consideriamo la morte, e l’evoluzione dell’uomo in un mondo che si fa ostile

    “il raccolto” – il valore della sopravvivenza a ogni costo, il paradigma specista

    “voi demoni” – il confronto con forze più grandi di quelle che conosciamo e che non possono essere affrontate con gli strumenti della ragione

    “momento per momento” – la ricerca di qualcosa, ma soprattutto qualcuno, che completa le nostre debolezze.

Carissimi Distopici all’ascolto, per oggi è tutto. Nel 2019 vi faremo leggere sicuramente la nostra recensione su questa raccolta di racconti.

A presto!

Annunci

Un pensiero riguardo “Mysterious Writer: Andrea Viscusi”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...