Novità, Titoli Distopici

Armada – Ernest Cline

Ernest Cline - Armada

Continue reading “Armada – Ernest Cline”

Annunci
Recensioni

OTHERWORLD di Jason Segel e Kirsten Miller

51BlbRr1HrLTRAMA

In un futuro che è dietro l’angolo,  Simon e altri 1999 fortunati sono stati selezionati dalla “Compagnia” del multimiliardario Milo Yolkin per testare la versione nuova di zecca di “Otherworld”, il gioco di ruolo online più famoso del mondo.

In “Otherworld” tutto è possibile: si può essere ciò che si vuole attraverso un avatar che può assumere le sembianze di un uomo, di un dio o di un mostro.  Otherworld è un mondo senza regole e senza relative conseguenze. In un ambiente così, Simon, nerd riccastro, ci sguazza volentieri. Certo: niente che non abbia già provato; ma, stavolta, c’è qualcosa che rende diversa l’esperienza digitale. Otherworld rappresenta anche l’ultima opportunità a disposizione per incontrare  Kat, la sua amica del cuore, la cui vita è appesa a due esili fili: uno conduce ad una drammatica realtà, mentre l’altro porta alla dimensione virtuale di Otherworld, in cui si celano le mire del suo ideatore e della Compagnia.

RECENSIONE

Cos’è la cosa più figa che può regalarti la realtà virtuale? Essere ciò che vuoi. O meglio: essere ciò che l’immaginazione, su se stessi, riesce a partorire in termini di altezza, robustezza, avvenenza, outfit, armi a disposizione o superpoteri. Messa così sembrerebbe proprio un gioco, ma “Otherworld” ci tiene a far sapere che di “game” proprio non si tratta. Sull’ambivalenza, gioco-realtà, poggia il cuore narrativo del romanzo.

La realtà virtuale è pur sempre una realtà. Una delle tante. Un mondo parallelo con lo stesso diritto di esistere di tutti gli altri mondi. In questà ambiguità digitale si muove Simon, il giovane protagonista, ricco di famiglia, innamorato di Kat, e sprezzante nei confronti della società di cui, suo malgrado, fa parte. Benificiando di una scrittura sempre lineare, essenziale e semplice, “Otherworld” prende il lettore per mano dandogli modo di degustare gli ingredienti migliori della sue pagine: colpi di scena ben assestati e una certa dose di cyber-thrilling.

Non sempre la scelta di una scrittura molto scorrevole premia lo spessore narrativo: troppo spesso, forse per non perdere il ritmo, non si concede il dovuto spazio al pathos. Sarebbe anche corretto non caricare certi momenti con divagazioni emotive, se fossimo davvero in un gioco, ma non è così; lo dichiarano gli autori stessi nel sottotitolo: “Questo non è un gioco”; per questo, durante l’incedere della storia, si avverte una mancanza  che però, è doveroso sottilineare, viene subito colmata da un susseguirsi di eventi in avvincente modalità.

“Otherworld” si compone di importanti fonti d’ispirazione (“Ready Player One” per ambientazioni e personaggi,  “Matrix” per il concept di base e Philip K. Dick per la descrizione ambivalente della realtà) e le incanala in uno Young Adult, restituendo una lettura trascinante e piacevole interrotta da un finale, magari un po’ troppo brusco, ma che fa presagire la creazione di “altri mondi.”

Qui tutte le info riguardo al romanzo.

Recensioni

Recensione: “Flawed. Il momento della scelta” di Cecelia Ahern

Buongiorno Amici e buon inizio settimana 😉

Qualche giorno fa vi abbiamo presentato il Review Party che abbiamo organizzato insieme alla DeA, ebbene, oggi è il nostro turno per parlarvi dell’ultimo romanzo di Cecelia Ahern, il capitolo conclusivo di una duologia Distopica davvero emozionante: FLAWED. Il momento della scelta.

Banner Flawed

Prima di lasciarvi il nostro umile parere, vi invitiamo a leggere la nostra recensione al primo volume della serie qui.

E adesso passiamo al romanzo che abbiamo appena terminato di leggere 😉

Flawed2 - Francobollo

TRAMA:

 

Celestine è in fuga. Fino a poche settimane fa era una delle ragazze più in vista della città: aveva una famiglia che la amava, un fidanzato meraviglioso e un destino invidiabile. Ora la sua esistenza si è trasformata in un interminabile incubo. La sua vita dorata non esiste più. Celestine è finita in cima alla lista dei ricercati della Gilda. È il nemico Numero Uno. Lei infatti è l’unica a possedere le prove che potrebbero distruggere per sempre il sistema che stabilisce chi è perfetto e chi Fallato. Chi merita un futuro e chi no. Perfino il giudice Crevan, capo del tribunale che l’ha condannata, è al suo inseguimento. L’uomo crede di poter facilmente mettere alle strette una come Celestine,

una ragazza che ha perso tutto: famiglia, fidanzato, amici. Ma si sbaglia. Il tenebroso Carrick non l’ha abbandonata e anzi è più determinato che mai a sostenerla, qualunque sia la scelta di Celestine. Perché adesso a decidere sarà lei. Scappare e mettersi in salvo, o rischiare tutto, tornare nella tana del leone e demolire il sistema dall’interno?

RECENSIONE:

Se il primo romanzo di questa serie mi era piaciuto, questo mi ha stregato. Lo stile dell’autrice si rivela ancora una volta essere impeccabile e coinvolgente. La storia è appassionante e non lascia spazio alla noia.

Io solitamente riesco sempre a intuire dove andrà a parare la trama, ma con questa duologia ho finalmente trovato pane per i miei denti. Nulla è scontato o prevedibile. E ogni piega presa dalla storia non è mai banale.

Ho trovato la protagonista molto credibile e vicina. Chiunque di noi potrebbe essere Celestine North. Ho amato le sue insicurezze, ma soprattutto la sua determinazione nel portare avanti un messaggio che tutti noi dovremmo scolpirci nel cuore.

Non servono guerre o rivoluzioni sanguinarie per cambiare il mondo. Basta semplicemente fare la cosa giusta.

“C’è la persona che pensi dovresti essere, e poi c’è quella che sei veramente. Io non so bene chi dovrei essere, ma adesso so chi sono veramente.”

Ci sono romanzi Distopici che meritano di essere letti perché capaci di farci aprire gli occhi sul nostro presente. Questo è uno di quei romanzi.

Leggete questa storia Amici miei, non ve ne pentirete. 😉

Novità, Titoli Distopici

Flawed. Il momento della scelta – Cecelia Ahern

OGGI IN LIBRERIA!!!

Il secondo volume della serie Flawed, di Cecilia Ahern!

Se ancora non avete letto il primo romanzo, qui potrete trovare tutte le informazioni a riguardo.

Cecilia Ahern - Flawed. Il momento della scelta

Continue reading “Flawed. Il momento della scelta – Cecelia Ahern”

Recensioni

Recensione: “Iron Flowers” di Tracy Banghard

Buon Lunedì carissimi Amici della Distopia 😉

Come iniziare questa nuova settimana se non con una recensione a cinque stelle?

Ho da poco terminato la lettura di “Iron Flowers” di Tracy Banghard e non posso che complimentarmi con l’autrice per questa storia emozionante.

Edito dalla DeA, che ringraziamo per averci fatto dono di questa perla, questo primo romanzo della serie mi ha tenuta incollata alle pagine!

Tracy Banghart - Iron Flowers

TRAMA:

Non tutte le prigioni hanno le sbarre. In un mondo governato dagli uomini, in cui le donne non hanno alcun diritto, due sorelle non potrebbero essere più diverse l’una dall’altra. Nomi è testarda e indisciplinata. Serina è gentile e romantica, e sin da piccola è stata istruita per essere un esempio di femminilità, eleganza e sottomissione. Sono queste le doti richieste per diventare una Grazia, una delle mogli dell’erede al trono. Ma il giorno in cui le ragazze si recano nella capitale del Regno, pronte a conoscere il loro futuro, accade qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre le loro vite. Perché, contro ogni previsione, è proprio l’indomabile Nomi a essere scelta come compagna del principe, e non Serina. E mentre per Nomi inizia una vita a palazzo, tra sfarzo e pericolosi intrighi di corte, sua sorella, accusata di tradimento per aver mostrato di saper leggere, viene confinata sull’isola di Monte Rovina, un carcere di donne ribelli in cui, per sopravvivere, bisogna combattere e uccidere. È così che entrambe si trovano prigioniere, l’una di una gabbia dorata e l’altra di una trappola infernale. Per le due sorelle la fuga è impossibile: un solo errore potrebbe significare la morte. E allora, quando non c’è soluzione, l’unica soluzione è cambiare le regole.

40684788_2096998730312341_7030428913100652544_n.jpg

RECENSIONE:

Come vi dicevo questo romanzo mi ha tenuta incollata alle pagine, cosa non facile ve lo garantisco. Prima di immergermi in questa lettura mi era capitato di leggere qualche recensione sul web in cui alcune lettrici evidenziavano delle somiglianze con la sagha Regina Rossa di Victoria Aveyard. Ebbene, io ho letto la serie della Aveyard e, sì okay anche lì ci sono due fratelli di sangue blu (anzi argento) che si contendono la stessa ragazza in un contesto di complotti reali ma… punto, le similitudini finiscono lì.

In questa storia a mio avviso il punto forte è l’idea che ha avuto l’autrice di ricreare un mondo in cui le donne sono prigioniere, a loro insaputa, di una civiltà che le teme e che per questo cerca in tutti i modi di tenerle nell’ignoranza (vi dice niente?).

Insomma l’emancipazione delle donne è un tema molto delicato e, se ci pensiamo bene, per molti versi il percorso femminile nella storia dell’umanità ha molto a che vedere con la Distopia. Per questo motivo ho molto apprezzato il filo conduttore della trama del romanzo.

E poi che dire dell’intreccio amoroso? Ormai dovreste aver capito che nello Staff io sono la portatrice dello stendardo “Amore e Distopia“, quindi non posso che aver apprezzato ogni scintilla, anche la più piccola, nata dai cuori delle protagoniste.

Per farla breve, un romanzo che vi suggerisco assolutamente di leggere!

Adesso non mi resta che attendere con ansia il sequel, nella speranza che non tardi ad arrivare 😉

Link Amazon per l’acquisto —-> https://amzn.to/2Puj9IE

Gli Imperdibili

Speciale: “The Program” di Suzanne Young

Buongiorno amici distopici, quest’oggi parliamo di un libro che spesso citiamo nel gruppo ma che non abbiamo mai approfondito.
Questo distopico affronta temi piuttosto difficili: i ricordi, il dolore, il suicidio.

Sto parlando di The Program di Suzanne Young, primo romanzo di una duologia già interamente pubblicata in Italia da De Agostini.

Voi lo avete letto?

Continue reading “Speciale: “The Program” di Suzanne Young”