Recensioni

Recensione: “Ready Player One” di Ernest Cline

ready-player-one-maxw-6442045. La terra è diventato un posto insalubre e sovrappopolato in cui la povertà è diffusa e le risorse energetiche scarseggiano. Ad una realtà così tragicamente desolante l’umanità risponde rifugiandosi nella realtà virtuale. L’accesso principale all’alternativo mondo digitale  è offerto dal genio di  James Halliday, programmatore informatico e inventore di OASIS, un universo virtuale con accesso gratuito mediante visori e guanti aptici.

Attraverso il proprio avatar, su OASIS, si può fare di tutto: praticare sport, giocare, andare a scuola, viaggiare e anche guadagnare qualche soldo, ovviamente, virtuale. Quando Halliday muore lascia il suo immenso patrimonio a colui che sarà in grado di risolvere alcuni enigmi e superare un certo numero di  giochi disseminati su Oasis. Nasce così la figura del Gunter (da egg hunter), con la quale si indentificano milioni di persone lanciante alla ricerca dell’inestimabile ricchezza.  Wade Owen Watts, giovane nerd di Oklahoma City, è uno di loro ma ha un’arma in più: conosce, quasi alla perfezione, le vere passioni giovanili di Halliday legate indissolubilmente al mondo degli anni ’80.

Ready Player One mantiene fede alla omonima scritta che si staglia sullo schermo dei videogiochi subito dopo aver soddisfatto la richiesta: “insert coin”. Il romanzo entra subito in azione già dalle prima pagine,  immergendo il lettore/giocatore nelle spire avvolgenti delle sue vicende: il tessuto narrativo si evolve facendosi sempre più trascinante, ricalcando il progressivo passaggio di livelli tipico dei videogiochi. ready-player-one_notiziaCon una scrittura assai spigliata ed efficace e con ambientazioni tipiche della cultura anni ’80, Ready Player One racconta una futuristica ricerca dell’isola del tesoro, in cui la mappa è tanto dettagliata quanto più si conosca la storia del creatore dell’isola; in questo caso, James Halliday.

Per chi ha vissuto gli ‘80 sarà un tuffo nel passato con un carpiato nel futuro, mentre per chi quegli anni li ha solo intravisti, avrà a che fare con un nuovo oggetto di culto. Ernest Cline, l’autore, è nato nel 1972; la sua adolescenza è stata fatta di Space Invaders, robottoni giapponesiram da 64 kb e film mitici. Uno scibile nerd che, riversato abilmente nelle pagine del romanzo, ha contribuito senza dubbio al suo successo. Sapiente anche il bilanciamento fra passato e futuro, fra vintage e progresso tecnologico, fra vita vissuta e realtà virtuale: un mood letterario e cinematografico che sembra avere preso piede negli ultimi anni e di cui Ready Player One ne è, a pieno titolo, il portabandiera.

 

Annunci
Titoli Distopici

Valerian e la città dei mille pianeti – Christie Golden

Christie Golden - Valerian

Continue reading “Valerian e la città dei mille pianeti – Christie Golden”

Pop-Corn Day

POP-CORN DAY #7: BLADE RUNNER

“Io n21272457_1094932313970535_5338799126817166886_ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione… e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E’ tempo di morire”

Vengono i brividi: parole, impresse per sempre nel nostro immaginario collettivo, proferite durante la scena madre di un film che ha fatto storia ed è ormai diventato un’opera di culto. Continue reading “POP-CORN DAY #7: BLADE RUNNER”

Mysterious Writer

Mysterious Writer #9: Danilo Conti

Buongiorno Amici Distopici, eccomi qui per parlarvi di un altro Ospite che abbiamo avuto il piacere di intervistare ^_^

Se siete stati attente, vi sarete accordi che dal numero 6 siamo passati al 9. Ma che fine hanno fatto il 7 e l’8?

Danilo Conti - Dio 2.0

No, non è il titolo di un film (anche se mi pare che esista un film di Ficarra e Picone che s’intitola pressappoco così 😀 ), ad ogni modo, a suo tempo vi spiegheremo come mai questo salto sulla linea di successione 😉

Ma bando alle ciance!

Passo subito a presentarvi Danilo Conti, autore del romanzo DistopicoDio 2.0” rigorosamente Self-Publishing!

Continue reading “Mysterious Writer #9: Danilo Conti”

Pop-Corn Day

Pop Corn Day #5: Total Recall

Buongiorno Amanti della Distopia (e non)!

Oggi parliamo di un film che la sottoscritta si guarda almeno due, tre volte l’anno.

Poco tempo fa nel gruppo è stato protagonista di uno scontro diretto, in quanto rifacimento di un vecchio film.

VS

Almeno uno dei due dovete averlo visto per forza!!!

Continue reading “Pop Corn Day #5: Total Recall”

Mysterious Writer

Mysterious Writer 6: Giulia Gubellini

Buongiorno! Eccoci di nuovo qui per conoscere insieme un autore del panorama Distopico. Anzi in questo caso un’Autrice.

Prima di rivelarvi il suo nome però, lasciatemi dire che sono davvero felice dell’entusiasmo con il quale è stato accolto il Gruppo Leggere Distopico. Ogni giorno ricevo messaggi in cui Vi complimentate con noi per la passione e l’originalità, oltre che alla professionalità, con cui portiamo avanti la nostra missione. Ebbene, grazie!

Grazie a voi per seguirci, grazie a voi per sostenerci, grazie a voi che ci fate sentire il vostro affetto!

E fra di voi ci sono anche gli autori che cercano un porto sicuro fra le nostre mura. E noi siamo davvero onorati di fornire un punto di ristoro a tutti gli amanti della Distopia.

La mia agenda è ricca di impegni, e poter approfondire la conoscenza di autori così bravi mi rende davvero orgogliosa di Leggere Distopico!

Ma adesso basta, altrimenti mi scende la lacrimuccia e la mia facciata di Diabolica si sgretola. Continue reading “Mysterious Writer 6: Giulia Gubellini”

Imagination

Imagination #1

Eccoci arrivati alla prima novità di questa settimana, vi presento la rubrica IMAGINATION! Posteremo nel Gruppo un’immagine (a sfondo Distopico ovviamente), e questa immagine sarà il punto di partenza per far volare l’immaginazione.

Non ci sono regole. (perché noi Distopici siamo dei sovversivi  😎)

Non ci sono tracce da seguire.

L’unico ordine è… immaginate e scrivete!

I membri potranno scrivere una sola frase o un paragrafo intero.

Potranno concentrarsi sulla descrizione del paesaggio, scrivere un monologo, presentare un personaggio o la trama.

Insomma, tutto ciò che vogliono purché abbia un nesso con l’immagine proposta.

1
Fonte dell’immagine: https://collapseofindustrialcivilization.wordpress.com

Continue reading “Imagination #1”

I Grandi Classici

I Grandi Classici #3: “La svastica sul sole” di Philip K. Dick

The-Man-in-the-High-Castle

E’ il turno di un autore eccelso: Philip K. Dick. Chi ama la fantascienza e il genere distopico non può far altro che invaghirsi delle sue avvincenti opere animate da un continuo rimpallo tra realtà e illusione.

Con “La svastica sul sole”, lo scrittore statunitense ebbe il suo primo grande successo letterario che gli valse anche il Premio Hugo (riconoscimento per le opere di fantascienza o fantasy ).

La Storia, quella con la “s” maiuscola, attraverso il genio creativo di Dick, prende un’altra direzione, anzi, imbocca a tutta velocità una distopica autostrada: la Seconda Guerra Mondiale è finita ma i vincitori e i vinti si sono scambiati di ruolo.

Continue reading “I Grandi Classici #3: “La svastica sul sole” di Philip K. Dick”

Mysterious Writer

Mysterious Writer #3: Marta Duò

Buongiorno Amici Distopici!

Eccoci qui per presentarvi un altro autore che è stato torchiato per bene nel nostro gruppo. Si tratta della giovanissima Marta Duò, autrice de “I superstiti di Ridian” (Plesio Editore).

Marta Duò nasce a Torino nel 1995, e la sua formazione scientifica la porta a iscriversi al corso di laurea in Fisica. Da sempre divoratrice di libri, soprattutto fantasy, si avvicina alla distopia e alla fantascienza ai tempi del liceo. Crea mondi da quando aveva undici anni e spesso finisce per distruggerli.

Continue reading “Mysterious Writer #3: Marta Duò”