Nuke Gaming

Nuke Gaming Day: Borderlands Saga.

Ehilà ragazzi! Bentrovati sulla rubrica Nuke Gaming Day! Il gioco che vi voglio proporre oggi è un po’ controverso.
L’universo distopico, come ben sapete, è un universo duro, cruento e che non perdona.
E se vi dicessi che possiamo unire una grassa risata, a queste aspre prospettive?

22199028_1320493688072914_1363800092_o

Preparatevi ad una esperienza che mette insieme ironia, esplosioni e la teatralità alla Tarantino.

Welcome to Pandora, kiddo’s!
*KA-BOOM*

LA TRAMA

Siamo in un futuro molto lontano, dove la colonizzazione per la ricerca di risorse minerarie si è spinta fino a raggiungere livelli “spaziali”. Fu così, che una nave si ritrovò ad atterrare sul pianeta denominato Pandora, un pianeta per certi versi molto simile alla terra, se non fosse almeno per la presenza di esseri viventi completamente differenti rispetto a quelli presenti nel mondo che noi conosciamo.

Ben presto però molti capiscono che il pianeta ha ben poco da offrire e la situazione degenera quando le compagnie minerarie abbandonano il pianeta lasciando gli abitanti degli insediamenti alla mercé dei criminali addetti ai lavori forzati. A quel punto alcuni coloni tentano di arricchirsi depredando le misteriose rovine aliene sparse su Pandora e così essi scoprono la Cripta, un gigantesco bunker alieno che si dice contenga preziosa tecnologia e segreti dal valore inestimabile. Nessuno sa come accedere nella Cripta ma forse un nuovo colono, appena giunto nella cittadina di Fyrestone, potrebbe risolvere il mistero.

Cosa conterrà questa cripta?

7d387d45b1800b158f4d23417ead51f6edc3e372.jpg

La cripta viene aperta e in una esplosione clamorosa, il suo prezioso contenuto viene sparso per tutta pandora. Il materiale “Eridium” dalle qualità sorprendenti, attira un sacco di colonizzatori da tutta la galassia, tra cui il geniale imprenditore “Handsome Jack”, tradotto in italiano come Jack il bello.

Colonizzata pandora e istituita una legge marziale grazie ad un esercito di robot e droni da combattimento, Jack ne schiavizza gli abitanti e installa una rete di trivelle in profondità per impossessarsi di tutto l’eridium possibile.

Ai supersiti non rimane altro che organizzare una resistenza per cercare di fronteggiare il suo dominio, e proprio qui entriamo in scena noi.

61Sx3mAk6sL.SL1024

GAMEPLAY

La giocabilità è quella classica di uno sparatutto anche se con molti aspetti da GDR, come un albero di abilità da apprendere e le missioni che vi offriranno i vari personaggi che incontreremo lungo il cammino. Gli ambienti di gioco sono molto variegati (si passa da panorami desertici ad ambientazioni cittadine, fino a finire sulla neve o addirittura nella foresta). La quantità di armi, bombe e oggetti vari è vastissima, inoltre è possibile guidare degli autoveicoli pesantemente armati.

Il comparto grafico lo trovo a dir poco meraviglioso, ha uno stile cartoon molto colorato e dai colori saturi, le canzoni sono molto coinvolgenti e il doppiaggio è semplicemente fantastico! Non solo per i temi trattati XD ma anche per la sua qualità.

71dl7s9IbXL.SL1024.jpg

Volete un gioco dall’atmosfera sci-fi da giocare insieme agli amici? Volete esplosioni, robottoni, alieni, armi, sangue e budella che schizzano in giro? Volete anche un pizzico di quella cazzo di volgarità ed ironia disimpegnata che ci fanno piegare in due dal ridere? Beh provate Borderlands!

Ho finito questo gioco recentemente con dei miei amici ed è stato meraviglioso, non solo per il gamplay, le meccaniche e l’ironia che lo caratterizza ma anche perché sono riusciti a non far mancare a livello di trama, colpi di scena e addirittura momenti toccanti senza scendere in quell’eccesso di demenzialità da renderlo banale e stucchevole.

Inoltre amo l’antagonista principale “Jack il Bello” ed il suo carisma, al punto che sono arrivato ad adorarlo persino più del protagonista che mi sono ritrovato ad interpretare

Questo NGD finisce qui, ma prima….

ss_game_bl2_7

SPARAMI IN FACCIA!

Ciao ragazzi ❤ Alla prossima!

.

Annunci
Nuke Gaming

Nuke Gaming Day: Overwatch.

Ehilà ragazzi! Qui è il sopravvissuto alla Nuke Gaming Day che vi parla!
E’ da un po’ che non ci si vede…come sono andate le feste? Avete mangiato, vi siete rilassati? Siete tutti pronti? Meglio che lo siate: il titolo di oggi sarà piuttosto frenetico.
Ma io confido in voi.
Il mondo ha sempre bisogno di eroi.

22199028_1320493688072914_1363800092_o

Carissimi, il titolo distopico di oggi non è altri che il celeberrimo Overwatch, l’ultima creazione della casa Blizzard che ha visto la luce il 24 maggio 2016. 

Continue reading “Nuke Gaming Day: Overwatch.”

Nuke Gaming

Nuke Gaming Day: Nier:Automata.

Ciao ragazzi! Tutti pronti per il Nuke Gaming day? Siete carichi? Preparate il controller e, si…anche oggi, i fazzoletti: oggi andremo ad esplorare un opera nipponica che ci farà piangere lacrime amare.

22199028_1320493688072914_1363800092_o

Il titolo che vi propongo oggi è Nier: Automata, sviluppato dalla Platinum Games e pubblicato nel 2017 dalla Square Enix. A breve vi illustrerò la trama e l’ambientazione, il gameplay e le mie opinioni personali al riguardo.

Intanto vi lascio il trailer, che sarà utile per farvi un idea.

Attendo, come al solito, i commenti suscitati dal primo impatto

Anno 11945
L’umanità è ormai prossima all’estinzione, la guerra con le biomacchine costruite da una sconosciuta razza aliena ha costretto i pochi sopravvissuti a rifugiarsi sulla luna.

Intenzionati a riprendersi il proprio pianeta, gli esseri umani decidono di costruire gli androidi e le unità Yohra per combattere la minaccia e liberare finalmente il mondo dagli invasori.

La trama segue le vicende di due dei tanti androidi impiegati in battaglia: L’unità 2B (Quella femminile, che risponde a B come battaglia) e l’unità 9S (Il ragazzo, che risponde a S come scanner).

Essi saranno degli “inviati speciali” sulla terra per monitorare le operazioni in prima persona e raccogliere ulteriori dati sul nemico.

I due si ritroveranno in una megalopoli completamente assorbita dalla natura e spogliata di tutto quello che gli era rimasto di “umano”, i paesaggi appaiono subito “asettici e sintetici” anche se molto suggestivi. Una città per esempio è stata quasi completamente sotterrata dalla sabbia del deserto che, senza l’intervento umano, ha avanzato inesorabilmente…oppure un altra, costiera, sarà gran parte sommersa.

I due, durante le loro peripezie, riscopriranno le caratteristiche della dimenticata razza umana, caratteristiche che ormai diamo per scontate.

23561521_1495475097184676_4096997440310670274_n.jpg

Il gameplay è il classico open world, ossia avremo a disposizione un mondo completamente esplorabile che dovremo setacciare per procurarci denaro, attrezzi, macchinari e “cimeli” del vecchio mondo che potremmo riporre e consultare comodamente in archivio in un secondo momento per conoscere le vicende del “mondo di ieri” ormai così remoto da scivolare lentamente nell’oblio.

I nostri personaggi funzioneranno come dei sistemi operativi in tutto e per tutto, come un cellulare! Quindi oltre che cambiare le armi, avremo la possibilità di installare delle app e dei chip per aggiungere nuove feature e nuovi upgrade. Ovviamente come nei cellulari, lo spazio è limitato e ce lo dovremo ben gestire.

Inoltre, come androidi avremo modo di hackerare le altre macchine e il che ci catapulterà in un minigioco “bullet hell” che strizza l’occhio ai difficilissimi titoli anni 80/90.

L’impressione, è quella di giocare ad un gioco attraverso l’interfaccia di un robot.

Questo gioco è…particolare: mi ha veramente sorpreso. E sono uno che ha giocato alla saga di Metal Gear Solid eh! Quindi non è affatto facile sorprendermi.

Il titolo è suddiviso in 2 Run:
-La prima la affronteremo nei panni di 2B, il modello da battaglia.
-La seconda la affronteremo nei panni di 9S che, in quanto scanner, ci permetterà di capire qualcosa in più della storia che abbiamo appena affrontato.

Infine una terza run che non vi posso rivelare per non farvi spoiler u.u
Vi dico solo che questo gioco, quando pensate di aver capito “l’andazzo generale” inizia a prendervi a pugni sullo stomaco.
Ha le classiche caratteristiche della sceneggiatura giapponese: è esagerata, barocca a tratti, intensa, cruda che colpisce ai sentimenti proprio dove fa più male.

All’inizio del gioco ero entusiasta, poi ho iniziato a mettermi le mani in mezzo ai capelli, poi mi sono sentito attonito e confuso.

Se volete provare forti sentimenti e farvi un viaggio nella psiche umana attraverso le grandi domande della vita: comprate questo gioco!
Se siete deboli di cuore e facili al pianto NON comprate questo gioco!

E con questo….vi saluto! Nella speranza di avervi intrattenuto e incuriosito.
Ci vediamo al prossimo Nuke Gaming day! Ciao cari!

23632039_1495488610516658_9196561941328722047_o.jpg

Recensioni

Recensione: “Minecraft. Lo scontro” di Tracey Baptiste

Buongiorno Distopic People 😉

Oggi voglio parlarvi del libro che ho terminato di leggere proprio ieri. Si tratta di “Minecraft. Lo scontro” di Tracey Baptiste, edito dalla Mondadori.

Questo romanzo, anche se scritto da un’autrice diversa, è legato a “Minecraft. L’isola” un romanzo che ho già letto e recensito per voi qui.

Tracey Baptiste - Minecraft. Lo scontro

Continue reading “Recensione: “Minecraft. Lo scontro” di Tracey Baptiste”

Mysterious Writer

Mysterious Writer EXTRA: Livio Gambarini

Livio GambariniLadies & Gentlemen (Distopici e non), recentemente abbiamo avuto il piacere di ospitare Livio Gambarini scrittore, editor e insegnante di narrativa.
Tutor e docente del corso di Alta Formazione “Il piacere della scrittura” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, che ha curato molti progetti editoriali.
Co-sceneggiatore dei videogiochi Fangold e Land of Britain di Potato Killer Studio e sceneggiatore cinematografico.

Per ora non aggiungo altro se non ACCIPICCHIOLINA CHE CURRICULUM!

Continue reading “Mysterious Writer EXTRA: Livio Gambarini”